Il collezionista di occhi

978-88-541-3021-0

L’estate ad Aberdeen è una stagione crudele. Un sanguinario criminale ha preso di mira la comunità polacca della città, lasciandosi alle spalle una scia di vittime torturate e abbandonate in fin di vita in cantieri edili, con gli occhi strappati e le orbite bruciate. Le lettere rabbiose che arrivano al quartier generale della polizia dimostrano che è solo l’inizio… Con vittime troppo spaventate per parlare e un pedofilo in fuga come unico testimone, le indagini, affidate al sergente Logan McRae, sono a un punto morto. Come se non bastasse, il sarcastico ispettore capo Finnie sembra deciso a rendere la vita di McRae un inferno. Intanto le brutali aggressioni continuano e quando si scopre che una delle vittime non proviene dall’Est, ma è Simon McLeod, un noto allibratore, Logan si trova improvvisamente catapultato in un mondo di prostituzione, droga e traffico di armi. Dall’Est Europa si sta infatti preparando un vero e proprio assalto alla tranquillità di Aberdeen, già sull’orlo di una guerra tra bande. Ed è a questo punto che il più pericoloso signore del crimine della città si fa avanti per trattare con McRae. Per risolvere il caso, salvare la propria vita e quella dei suoi cari, Logan dovrà decidere fino a che punto infrangere le regole…

«Stuart MacBride è quanto mai abile nell’usare la penna alla stregua di un machete, nel nutrire le sue “invenzioni” di raccapricciante ferocia, nel far soffrire d’insonnia i suoi fan. Un concentrato di cattiveria narrativa. »
Mauro Castelli, Il Sole 24 ore

«Fiammeggiante noir alla Tarantino condito da omeopatiche dosi di humour scozzese: questa è, da tempo, la ricetta vincente di Stuart MacBride.»
Piero Soria, La Stampa